Le diverse agenzie educative sono solite accordare all’attività motoria un ruolo importante in relazione allo sviluppo personale e sociale dei propri membri. Tale sostanziale univocità d’opinioni positive non proviene solo dall’ambito non-formale – come logico aspettarsi, essendo costituito in buona parte da club, federazioni ed enti sportivi – ma in genere anche da quello informale e formale, ovvero da famiglie e istituzioni scolastiche. Ciononostante, ritengo che il campo di studi ed esperienze che attualmente in Italia viene chiamato “scienze motorie” soffra di un vulnus tutt’altro che secondario: mi riferisco a una debolezza epistemologica specifica, che si traduce in una ragguardevole difficoltà a cogliere in modo adeguato le caratteristiche peculiari della materia. In sintesi, la tesi di fondo che intendo trattare col presente contributo è la seguente: al fine di comprendere l’enorme valore delle pratiche corporee risulta utile tenere presente una prospettiva epistemologica che appare in grado di fornire punti di riferimento chiari su cui confrontarsi, pur sapendo che non si tratta di verità oggettive. Sarà così più semplice ed efficace, scavando sotto la coltre di retori¬ca che spesso le ricopre, studiare l’effettivo contributo che le attività ludico motorie e sportive possono fornire al riguardo dello sviluppo socioculturale.

Le “logiche” delle condotte motorie, tra incorporazione e habitus

Alessandro Bortolotti
2019

Abstract

Le diverse agenzie educative sono solite accordare all’attività motoria un ruolo importante in relazione allo sviluppo personale e sociale dei propri membri. Tale sostanziale univocità d’opinioni positive non proviene solo dall’ambito non-formale – come logico aspettarsi, essendo costituito in buona parte da club, federazioni ed enti sportivi – ma in genere anche da quello informale e formale, ovvero da famiglie e istituzioni scolastiche. Ciononostante, ritengo che il campo di studi ed esperienze che attualmente in Italia viene chiamato “scienze motorie” soffra di un vulnus tutt’altro che secondario: mi riferisco a una debolezza epistemologica specifica, che si traduce in una ragguardevole difficoltà a cogliere in modo adeguato le caratteristiche peculiari della materia. In sintesi, la tesi di fondo che intendo trattare col presente contributo è la seguente: al fine di comprendere l’enorme valore delle pratiche corporee risulta utile tenere presente una prospettiva epistemologica che appare in grado di fornire punti di riferimento chiari su cui confrontarsi, pur sapendo che non si tratta di verità oggettive. Sarà così più semplice ed efficace, scavando sotto la coltre di retori¬ca che spesso le ricopre, studiare l’effettivo contributo che le attività ludico motorie e sportive possono fornire al riguardo dello sviluppo socioculturale.
Le pieghe del corpo
101
124
FILOSOFIE
Alessandro Bortolotti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/723417
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact