“Dignità contro dignità”? Sulla natura antidemocratica della tortura