Sulla soglia della rappresentazione. Lorenzo Lotto e il San Girolamo penitente di Sibiu