L'articolo tratta dell’istituzione di una moneta unica e i particolari obblighi posti a carico degli Stati dell’area euro: il coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri affidato al Consiglio dal capo 1 del titolo VIII del TFUE, la procedura di disavanzo eccessivo prevista dall’art. 126 TFUE, il patto di stabilità e crescita posto in essere con i regolamenti del Consiglio 1466/97 e 1467/97, l'istituzione del MESF e l’adozione del Six Pack, l’iniziativa intergovernativa posta in essere nel 2012 per far fronte all’ulteriore aggravarsi della crisi dell’area euro, il Trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance dell’UEM (TSCG) e il Trattato istitutivo di un Meccanismo europeo di stabilità (MES), i dubbi sollevati dal Trattato MES, la revisione semplificata dell’art. 136 TFUE e le riserve avanzate al riguardo dalla Germania, la condivisione, da parte di altri Paesi dell’area euro, delle riserve tedesche, la sentenza della Corte di giustizia nel caso Pringle, gli accordi stabilenti approntamenti macroeconomici estrutturali previsti dal Trattato MES considerati alla luce della valutazione di accordi analoghi effettuata dal Comitato europeo dei diritti sociali.

La crisi dell’area euro e il perseguimento di un equilibrio tra stabilità, democrazia e diritti fondamentali

Pieralberto Mengozzi
2015

Abstract

L'articolo tratta dell’istituzione di una moneta unica e i particolari obblighi posti a carico degli Stati dell’area euro: il coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri affidato al Consiglio dal capo 1 del titolo VIII del TFUE, la procedura di disavanzo eccessivo prevista dall’art. 126 TFUE, il patto di stabilità e crescita posto in essere con i regolamenti del Consiglio 1466/97 e 1467/97, l'istituzione del MESF e l’adozione del Six Pack, l’iniziativa intergovernativa posta in essere nel 2012 per far fronte all’ulteriore aggravarsi della crisi dell’area euro, il Trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance dell’UEM (TSCG) e il Trattato istitutivo di un Meccanismo europeo di stabilità (MES), i dubbi sollevati dal Trattato MES, la revisione semplificata dell’art. 136 TFUE e le riserve avanzate al riguardo dalla Germania, la condivisione, da parte di altri Paesi dell’area euro, delle riserve tedesche, la sentenza della Corte di giustizia nel caso Pringle, gli accordi stabilenti approntamenti macroeconomici estrutturali previsti dal Trattato MES considerati alla luce della valutazione di accordi analoghi effettuata dal Comitato europeo dei diritti sociali.
Pieralberto Mengozzi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/722385
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact