Amerigo Vespucci e la meditazione cartografica