Il "carcere duro" tra efficienza e legittimità