La "comodità nel giudicare": la decisione robotica