“La più grande e bella tra le gesta". Plutarco e la monomachia