Parola, metro e «agoge» musicale nell'«Ode a Colono» di Sofocle