Sull'impiego del criterio dell'interpretazione storica