Maschere, teschi e fotografie spettrali: una lettura di "Messico" di Emilio Cecchi