La sproporzione come rottura comunicativa