Il Centro Regionale di Castanicoltura del Piemonte, sostenuto dall'intensa attività di ricerca dell'Università di Torino, sta cercando di trasformare la castanicoltura tradizionale, sempre più in affanno, adottando una nuova concezione produttiva ispirata alla frutticoltura intensiva e industriale. La sfida dei prossimi anni sarà la creazione di nuovi impianti castanicoli di tipo intensivo, ad elevate rese ettariali e costi ridotti.

Nuova castanicoltura piemontese: impianti intensivi e innovazione varietale

Giulio Demetrio Perulli
;
Sara Alessandri
2019

Abstract

Il Centro Regionale di Castanicoltura del Piemonte, sostenuto dall'intensa attività di ricerca dell'Università di Torino, sta cercando di trasformare la castanicoltura tradizionale, sempre più in affanno, adottando una nuova concezione produttiva ispirata alla frutticoltura intensiva e industriale. La sfida dei prossimi anni sarà la creazione di nuovi impianti castanicoli di tipo intensivo, ad elevate rese ettariali e costi ridotti.
Giulio Demetrio Perulli, Sara Alessandri
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/706339
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact