Pretesa uguaglianza giuridica ed irripetibilità biologica: una difficile concordia discordantium canonum