Ravenna e Ferrara nel XII secolo: due comuni davvero "latenti" e "casuali"?