Su vizi e eccessi del mondo dell’informazione