La chiesa piacentina alla vigilia della riforma gregoriana