I confini come linee di instabilità in Africa