The aim of this work is to better understand and improve the dynamic characterization of concrete frame buildings through the combined use of finite element modelling and applied seismology. The behavior of the virtual model, realized with the finite element method, is compared with values obtained directly in situ through noninvasive tests based on a sensor capable of detecting the seismic microtremor and provide direct information in terms of oscillation periods and displacements. For the case study structure, several measurements were made using Tromino® and, at the same time, a finite element modeling was carried out using the software SAP2000. Starting from extremely different initial data, multiple variations were made to the model in order to produce an increase in frequency, aligning it with the one detected instrumentally.

L’obiettivo del presente lavoro è quello di comprendere maggiormente e migliorare la caratterizzazione dinamica degli edifici intelaiati in cemento armato attraverso l’utilizzo combinato della modellazione agli elementi finiti e della sismologia applicata. Il comportamento del modello virtuale, realizzato con il metodo agli elementi finiti, viene confrontato con valori ottenuti direttamente in situ mediante prove non invasive basate su un sensore capace di rilevare il microtremore sismico e fornire informazioni dirette in termini di periodi d’oscillazione propri e spostamenti. Per l’edificio campione sono state eseguite diverse misurazioni attraverso Tromino® e si è parallelamente effettuata una modellazione agli elementi finiti, mediante il software SAP2000. Partendo da dati iniziali estremamente differenti sono state effettuate delle variazioni al modello che hanno prodotto un aumento della frequenza, allineandola a quella rilevata strumentalmente.

Approccio alla Caratterizzazione Dinamica degli Edifici in C.A. con l'Ausilio di Tecniche Passive a Stazione Singola

Davide Prati;Lorenzo Badini
;
Giovanni Mochi;Silvia Castellaro
2019

Abstract

L’obiettivo del presente lavoro è quello di comprendere maggiormente e migliorare la caratterizzazione dinamica degli edifici intelaiati in cemento armato attraverso l’utilizzo combinato della modellazione agli elementi finiti e della sismologia applicata. Il comportamento del modello virtuale, realizzato con il metodo agli elementi finiti, viene confrontato con valori ottenuti direttamente in situ mediante prove non invasive basate su un sensore capace di rilevare il microtremore sismico e fornire informazioni dirette in termini di periodi d’oscillazione propri e spostamenti. Per l’edificio campione sono state eseguite diverse misurazioni attraverso Tromino® e si è parallelamente effettuata una modellazione agli elementi finiti, mediante il software SAP2000. Partendo da dati iniziali estremamente differenti sono state effettuate delle variazioni al modello che hanno prodotto un aumento della frequenza, allineandola a quella rilevata strumentalmente.
Ingegno e costruzione nell'epoca della complessità. Forma urbana e individualità architettonica
339
348
Davide Prati, Lorenzo Badini, Giovanni Mochi, Silvia Castellaro
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/700570
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact