Sul divieto assoluto di tortura