Due mondi linguistici per un solo universo teatrale: Camillo Federici e Johanna von Weissenthurn