Per una semiotica delle soggettività collettive