Geografia, cartografia e guerre: un trinomio scontato?