Ancora una filosofia della storia?