Come messo in risalto sin dalle più risalenti analisi femministe del fenomeno (si pensi, prima ancora che alle denunce di Catharine MacKinnon degli anni ’70-‘80, alla “Déclaration” di Olympe de Gouge del 1791, o all’opera di Friedrich Engels del 1884 – tutti lavori richiamati e commentati in questo volume di Marìa Leoba Castañeda Rivas ), l’elemento che culturalmente, e storicamente, ha permesso e legittimato (e tuttora permette e legittima) la normalizzazione e la diffusione della subordinazione delle donne, risiede primieramente nell’asimmetria costitutiva, patriarcale, del potere, istituzionalizzata proprio nell’idea dell’essenzialistica “complementarietà” (ma non dell’uguaglianza) dei ruoli legati al genere. Nascosta tra le maglie ideologiche di un concetto culturale di normalità troppo ubiquitario e radicato per poter essere messo in discussione, e così legittimata, e dunque non percepita come tale, tale asimmetria costituisce, invero, un fattore-chiave nel determinare quella situazione di “scacco matto” culturale che più impedisce di rendere la subordinazione, che essa fonda, veramente visibile, in tali termini, a sé stessa – e dunque efficacemente controbattibile.

La fuerza regoladora de los modelos de género, entre el derecho y la cultura – Pròlogo

Annalisa Verza
2019

Abstract

Come messo in risalto sin dalle più risalenti analisi femministe del fenomeno (si pensi, prima ancora che alle denunce di Catharine MacKinnon degli anni ’70-‘80, alla “Déclaration” di Olympe de Gouge del 1791, o all’opera di Friedrich Engels del 1884 – tutti lavori richiamati e commentati in questo volume di Marìa Leoba Castañeda Rivas ), l’elemento che culturalmente, e storicamente, ha permesso e legittimato (e tuttora permette e legittima) la normalizzazione e la diffusione della subordinazione delle donne, risiede primieramente nell’asimmetria costitutiva, patriarcale, del potere, istituzionalizzata proprio nell’idea dell’essenzialistica “complementarietà” (ma non dell’uguaglianza) dei ruoli legati al genere. Nascosta tra le maglie ideologiche di un concetto culturale di normalità troppo ubiquitario e radicato per poter essere messo in discussione, e così legittimata, e dunque non percepita come tale, tale asimmetria costituisce, invero, un fattore-chiave nel determinare quella situazione di “scacco matto” culturale che più impedisce di rendere la subordinazione, che essa fonda, veramente visibile, in tali termini, a sé stessa – e dunque efficacemente controbattibile.
2019
Mujeres: rebeldas y visionarias
19
29
Annalisa Verza
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/693797
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact