«L’ago dentro e fuori». Il nodo memoria/storia nel caso della deportazione