Gli "orizzonti immensi" di un'opera rivoluzionaria