Aree ferroviarie in Emilia Romagna: un patrimonio da sfruttare