Figli della memoria, orfani della storia