Il museo come "ludoteca"