Individuale e collettivo: quando i diritti dei lavoratori digitali corrono su due ruote