Su alcuni aspetti linguistici della questione scito-sarmatica