All dogs may experience prostatic disease, but particular care should be addressed to breeding dogs, in which prostatic affection may lead to decrease in semen quality and fertility. The two most frequent prostatic diseases in dogs are benign prostatic hyperplasia (BPH) and prostatitis. BPH therapy is usually recommended when mild-severe signs are present or if symptoms disturb the patient. New therapeutic approaches, both medical and surgical, permit to maintain fertility in most animals with prostatic disorders. Prostatic tumour is relatively infrequent. Elective therapy is the surgical one, but it is considered palliative and can result in important post-operative complications. Treatments alternative to surgery have been described and appear to increase survival times, but they are still being studied.

Le patologie prostatiche possono essere osservate ed assumere un certo rilievo in tutti i cani, ma in particolare non devono essere sottovalutate nei soggetti riproduttori in cui, un interessamento di questa ghiandola può determinare effetti negativi sulla qualità del seme e sulla fertilità. Le due condizioni patologiche più frequenti nel cane sono l’Iperplasia Prostatica Benigna (IPB) e la prostatite. La terapia dell’IPB è indicata nei casi con sintomatologia medio-grave e/o che determina disagio nel paziente. Nuove modalità di approccio terapeutico, sia medico che chirurgico, permettono di conservare la fertilità in molti soggetti affetti da problematiche a carico della prostata. Il tumore prostatico è una patologia relativamente poco frequente. La terapia d’elezione è ad oggi quella chirurgica, ma è palliativa e può comportare importanti complicanze postoperatorie. L’utilizzo di cure alternative all’opzione chirurgica sembra in alcuni casi prolungare l’aspettativa di vita, ma è ancora allo studio.

Le patologie prostatiche nel cane: opzioni terapeutiche

cunto marco
;
ballotta giulia
2018

Abstract

Le patologie prostatiche possono essere osservate ed assumere un certo rilievo in tutti i cani, ma in particolare non devono essere sottovalutate nei soggetti riproduttori in cui, un interessamento di questa ghiandola può determinare effetti negativi sulla qualità del seme e sulla fertilità. Le due condizioni patologiche più frequenti nel cane sono l’Iperplasia Prostatica Benigna (IPB) e la prostatite. La terapia dell’IPB è indicata nei casi con sintomatologia medio-grave e/o che determina disagio nel paziente. Nuove modalità di approccio terapeutico, sia medico che chirurgico, permettono di conservare la fertilità in molti soggetti affetti da problematiche a carico della prostata. Il tumore prostatico è una patologia relativamente poco frequente. La terapia d’elezione è ad oggi quella chirurgica, ma è palliativa e può comportare importanti complicanze postoperatorie. L’utilizzo di cure alternative all’opzione chirurgica sembra in alcuni casi prolungare l’aspettativa di vita, ma è ancora allo studio.
cunto marco; ballotta giulia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Veterinaria_2_2018_Cunto.pdf

embargo fino al 27/02/2020

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per Accesso Aperto. Creative Commons Attribuzione (CCBY)
Dimensione 512.99 kB
Formato Adobe PDF
512.99 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/676465
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact