Medico, paziente e angoscia di morte: un triangolo che si ripete