Il testo ci spinge a riflettere sui termini che all’interno della società multietnica generalmente vengono adottati per riferirci agli altri, per rappresentare gli stranieri, ad esempio, ponendo l’attenzione ai rapporti di forza, ai pregiudizi politici, psicologici, economici e culturali che vengono messi in circolo in questi percorsi definitori, semplificando una situazione molto complessa. Solitamente si usa definire gli stranieri con i termini immigrati, migranti, extracomunitari, talvolta clandestini, rifugiati, senza ulteriori precisazioni in riferimento alla loro provenienza, alle ragioni, siano esse culturali, politiche, economiche, volontarie, per cui hanno lasciato i loro paesi. Si tratta, ovviamente, di imprecisioni che non possiamo più permetterci, per cui oggi occorre prestare attenzione alle parole che usiamo perché esse nascondono dei chiari messaggi politici, nel senso che sono segno di un chiaro squilibrio di potere tra la classe politica dominante e quella subordinata. Da questo punto di vista, uno degli obiettivi della pedagogia interculturale è proprio quello di comprendere i processi mediate i quali i soggetti sono definiti stranieri o trattati come tali. Per fare ciò occorre una incursione nella sociologia della conoscenza, cioè nel processo mediante il quale i soggetti percepiscono la realtà e la classificano in base a delle categorie, ma anche nella psicologia sociale, nell’antropologia, nella linguistica, giacché la costruzione dell’universo simbolico avviene sempre mediante un linguaggio. In tal senso l’educazione interculturale si profila, con una certa urgenza, come un processo di costruzione di una identità nuova, più aperta, disponibile, eticamente responsabile del futuro dell’uomo e della donna.

Pedagogia e differenze culturali: risorse e dilemmi del sapere degli antropologi / Letizia Caronia; Erika Vassallo. - STAMPA. - (2015), pp. 52-74.

Pedagogia e differenze culturali: risorse e dilemmi del sapere degli antropologi

Letizia Caronia;Erika Vassallo
2015

Abstract

Il testo ci spinge a riflettere sui termini che all’interno della società multietnica generalmente vengono adottati per riferirci agli altri, per rappresentare gli stranieri, ad esempio, ponendo l’attenzione ai rapporti di forza, ai pregiudizi politici, psicologici, economici e culturali che vengono messi in circolo in questi percorsi definitori, semplificando una situazione molto complessa. Solitamente si usa definire gli stranieri con i termini immigrati, migranti, extracomunitari, talvolta clandestini, rifugiati, senza ulteriori precisazioni in riferimento alla loro provenienza, alle ragioni, siano esse culturali, politiche, economiche, volontarie, per cui hanno lasciato i loro paesi. Si tratta, ovviamente, di imprecisioni che non possiamo più permetterci, per cui oggi occorre prestare attenzione alle parole che usiamo perché esse nascondono dei chiari messaggi politici, nel senso che sono segno di un chiaro squilibrio di potere tra la classe politica dominante e quella subordinata. Da questo punto di vista, uno degli obiettivi della pedagogia interculturale è proprio quello di comprendere i processi mediate i quali i soggetti sono definiti stranieri o trattati come tali. Per fare ciò occorre una incursione nella sociologia della conoscenza, cioè nel processo mediante il quale i soggetti percepiscono la realtà e la classificano in base a delle categorie, ma anche nella psicologia sociale, nell’antropologia, nella linguistica, giacché la costruzione dell’universo simbolico avviene sempre mediante un linguaggio. In tal senso l’educazione interculturale si profila, con una certa urgenza, come un processo di costruzione di una identità nuova, più aperta, disponibile, eticamente responsabile del futuro dell’uomo e della donna.
2015
Pedagogie e didattiche interculturali
52
74
Pedagogia e differenze culturali: risorse e dilemmi del sapere degli antropologi / Letizia Caronia; Erika Vassallo. - STAMPA. - (2015), pp. 52-74.
Letizia Caronia; Erika Vassallo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/669600
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact