L’Italia, di fatto, non si dimostra più riluttante quanto in passato a utilizzare lo strumento militare come componente essenziale e legittima della propria politica estera. Il coinvolgimento in un numero elevato di missioni multinazionali sembra dimostrarlo. Il paese, però, ha adeguato il proprio approccio culturale alle nuove sfide imposte dallo scenario post-bipolare? Questo articolo cerca di rispondere a questa domanda, partendo dall'evoluzione della percezione di sicurezza nazionale in Italia.

Esiste Una ‘Via Italiana’ alla Cultura di Difesa?

GIACOMELLO, GIAMPIERO;
2008

Abstract

L’Italia, di fatto, non si dimostra più riluttante quanto in passato a utilizzare lo strumento militare come componente essenziale e legittima della propria politica estera. Il coinvolgimento in un numero elevato di missioni multinazionali sembra dimostrarlo. Il paese, però, ha adeguato il proprio approccio culturale alle nuove sfide imposte dallo scenario post-bipolare? Questo articolo cerca di rispondere a questa domanda, partendo dall'evoluzione della percezione di sicurezza nazionale in Italia.
G. Giacomello; F. Coticcha
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/65743
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact