La pedagogia speciale si occupa di persone con bisogni specifici e ha come obiettivo educativo quello di intravedere, riconoscere e puntualizzare, anche in situazioni altamente problematiche, la possibilità dell’educabilità dell’uomo; essa individua e offre risposte speciali a bisogni specifici in contesti ampi, nei territori di appartenenza di tutti; si muove in un ambito di frontiera che va a individuare potenzialità latenti o residue non immediatamente rilevabili; svolge una funzione trasgressiva e utopica verso l’esistente per modificarlo; effettua un percorso euristico di potenziamento di strumenti critici, di riflessione e operativi, di azione, di logiche integrate, interdisciplinari, plurimodali e reticolari. Nel presente volume si pongono in luce quelle variabili che possono aggravare il deficit o presentarsi come elementi aggiuntivi che vengono scambiati per il deficit stesso (ad es. l’iperprotezione della famiglia, il pregiudizio sociale, gli stereotipi sulle persone con disabilità ecc.) e distorcere, o limitare gravemente il lavoro educativo stesso.

ESSERE SPECIALI A SCUOLA

CALDIN, ROBERTA;DAINESE, ROBERTO
2006

Abstract

La pedagogia speciale si occupa di persone con bisogni specifici e ha come obiettivo educativo quello di intravedere, riconoscere e puntualizzare, anche in situazioni altamente problematiche, la possibilità dell’educabilità dell’uomo; essa individua e offre risposte speciali a bisogni specifici in contesti ampi, nei territori di appartenenza di tutti; si muove in un ambito di frontiera che va a individuare potenzialità latenti o residue non immediatamente rilevabili; svolge una funzione trasgressiva e utopica verso l’esistente per modificarlo; effettua un percorso euristico di potenziamento di strumenti critici, di riflessione e operativi, di azione, di logiche integrate, interdisciplinari, plurimodali e reticolari. Nel presente volume si pongono in luce quelle variabili che possono aggravare il deficit o presentarsi come elementi aggiuntivi che vengono scambiati per il deficit stesso (ad es. l’iperprotezione della famiglia, il pregiudizio sociale, gli stereotipi sulle persone con disabilità ecc.) e distorcere, o limitare gravemente il lavoro educativo stesso.
239
8882324605
CALDIN R.; POLATO E; DAINESE R.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/65581
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact