Da metà Ottocento, mentre il turismo borghese, avendo scoperto piaceri e benefici della villeggiatura marina, “colonizza” i litorali italiani, si diffonde negli stessi luoghi - seppure a conveniente distanza - un altro genere di turismo, i cui protagonisti sono i bambini. Dopo il primo Ospizio Marino, costruito a Viareggio fra il 1861 e il 1869, l’esperienza si ripete infatti al Lido di Venezia, lungo il litorale di Palermo e nelle spiagge fra Rimini e Riccione. Questo articolo ricostruisce la genesi e le vicende della diffusione degli ospizi marini e delle colonie di vacanza lungo le coste italiane, fino agli anni Sessanta del Novecento, sottolineando il ruolo sociale di queste istituzioni, ma anche la centralità che questi edifici possono assumere oggi nei piani e nei programmi di riqualificazione urbana delle città del turismo balneare.

Ospizi marini e colonie di vacanza

ORIOLI, VALENTINA
2006

Abstract

Da metà Ottocento, mentre il turismo borghese, avendo scoperto piaceri e benefici della villeggiatura marina, “colonizza” i litorali italiani, si diffonde negli stessi luoghi - seppure a conveniente distanza - un altro genere di turismo, i cui protagonisti sono i bambini. Dopo il primo Ospizio Marino, costruito a Viareggio fra il 1861 e il 1869, l’esperienza si ripete infatti al Lido di Venezia, lungo il litorale di Palermo e nelle spiagge fra Rimini e Riccione. Questo articolo ricostruisce la genesi e le vicende della diffusione degli ospizi marini e delle colonie di vacanza lungo le coste italiane, fino agli anni Sessanta del Novecento, sottolineando il ruolo sociale di queste istituzioni, ma anche la centralità che questi edifici possono assumere oggi nei piani e nei programmi di riqualificazione urbana delle città del turismo balneare.
V. Orioli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/64301
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact