Il ma giapponese tra Lebenswelt e Kunstwollen