A Firenze come a Roma: prima lo stadio poi l’urbanistica