Naufragi e spettatori. Su margini, spazio e rappresentazioni