Per un’ecdotica del molteplice e del discordante: il caso dei manoscritti trobadorici