Considerazioni conclusive. I giardini nella letteratura. Costanti e varianti