E se il Quattrocento fosse il più divertente dei secoli? Una modesta proposta didattica