Fra Petrarca e Romanello? Il sonetto 'disperso' Dimme, cor mio, non mio ma di colei