LETTERATURE E EDITORIA. Il caso Germania: la scrittura ‘silenziata’ e i traffici del marketing