A Roma, con il papato Barberini, come è noto, si superano tutte le perplessità dichiarate nel Concilio di Trento e si imbocca risolutamente la via di un rilancio trionfalistico della fede attraverso le immagini. L'immagine, beninteso quella cristiana, depurata da ogni sovrastruttura mitologica e/o paganeggiante, diventa anzi il vero fulcro della politica culturale barberiniana1; l'arte, la festa, il teatro i canali privilegiati attraverso i quali far passare l'esaltazione della fede e della Chiesa, sua principale propagatrice. Di queste prospettive Gian Lorenzo Bernini è indubbiamente il protagonista: con la sua ricerca sui diversi linguaggi, studiati a fondo nelle peculiarità espressive dei materiali eppure uniti a creare contrasto o scambiati nelle rispettive funzioni. Antitesi e decezione, le forme più alte della metafora secondo il Tesauro, attivo a Roma in questi anni cruciali, attraversano così le diverse espressioni berniniane, da quelle forzatamente compresse nel tempo e nello spazio dell'opera artistica, a quella diffusa nello spazio della festa fino a quella dilatata nel tempo del teatro. Attraverso l'Estasi di Santa Teresa, il ponte di Sant'Angelo e gli spettacoli barberiniani si studiano dunque gli stretti rapporti che intercorrono fra le realizzazioni artistiche e quelle teatrali berniniane.

Entre l’art et le théâtre: antithèse et « tromperie » dans la poétique du Bernin

TAMBURINI, ELENA
2010

Abstract

A Roma, con il papato Barberini, come è noto, si superano tutte le perplessità dichiarate nel Concilio di Trento e si imbocca risolutamente la via di un rilancio trionfalistico della fede attraverso le immagini. L'immagine, beninteso quella cristiana, depurata da ogni sovrastruttura mitologica e/o paganeggiante, diventa anzi il vero fulcro della politica culturale barberiniana1; l'arte, la festa, il teatro i canali privilegiati attraverso i quali far passare l'esaltazione della fede e della Chiesa, sua principale propagatrice. Di queste prospettive Gian Lorenzo Bernini è indubbiamente il protagonista: con la sua ricerca sui diversi linguaggi, studiati a fondo nelle peculiarità espressive dei materiali eppure uniti a creare contrasto o scambiati nelle rispettive funzioni. Antitesi e decezione, le forme più alte della metafora secondo il Tesauro, attivo a Roma in questi anni cruciali, attraversano così le diverse espressioni berniniane, da quelle forzatamente compresse nel tempo e nello spazio dell'opera artistica, a quella diffusa nello spazio della festa fino a quella dilatata nel tempo del teatro. Attraverso l'Estasi di Santa Teresa, il ponte di Sant'Angelo e gli spettacoli barberiniani si studiano dunque gli stretti rapporti che intercorrono fra le realizzazioni artistiche e quelle teatrali berniniane.
Rome-Paris 1640
435
459
Tamburini E.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/61805
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact