I Contain Multitudes: Berkeley, Vidor e il cinema della Grande Depressione