Machiavelli e una biblioteca non troppo “selecta”. Una svista di Antonio Possevino