A partire dagli anni ’90, sul territorio degli Stati membri dell’Unione europea si è verificato un vistoso aumento dell’intensità e della frequenza di catastrofi naturali e di origine antropica che hanno condotto spesso a serie conseguenze in termini di perdite di vite umane e distruzione delle infrastrutture economiche e sociali. In tale ambito, infatti, gli Stati membri hanno progressivamente conferito all'Unione nuove competenze, sostenendo un approccio sempre più integrato e coordinato. Ad alimentare la necessità di garantire una risposta quanto più unitaria e operativa interviene il principio di solidarietà come espresso nel Trattato di Lisbona che dunque interagisce e contribuisce a modellare alcune disposizioni di diritto derivato. Il contributo, tramite un'analisi critica del regime degli aiuti di Stato applicabile in caso di calamità, è finalizzato a comprendere - tramite anche il riferimento ad alcuni casi concreti come la vicenda italiana relativa alla concessione di aiuti di Stato in Abruzzo e in altre aree colpite da eventi sismici - come la rigidità che caratterizza formalmente la materia degli aiuti di Stato interagisca e si coordini con la necessità di garantire pieno sostegno allo Stato colpito da gravi calamità e di rispettare le esigenze solidaristiche espresse dai Trattati.

Riflessioni sul regime dell’Unione Europea in materia di aiuti di Stato in caso di calamità.

Susanna Villani
2017

Abstract

A partire dagli anni ’90, sul territorio degli Stati membri dell’Unione europea si è verificato un vistoso aumento dell’intensità e della frequenza di catastrofi naturali e di origine antropica che hanno condotto spesso a serie conseguenze in termini di perdite di vite umane e distruzione delle infrastrutture economiche e sociali. In tale ambito, infatti, gli Stati membri hanno progressivamente conferito all'Unione nuove competenze, sostenendo un approccio sempre più integrato e coordinato. Ad alimentare la necessità di garantire una risposta quanto più unitaria e operativa interviene il principio di solidarietà come espresso nel Trattato di Lisbona che dunque interagisce e contribuisce a modellare alcune disposizioni di diritto derivato. Il contributo, tramite un'analisi critica del regime degli aiuti di Stato applicabile in caso di calamità, è finalizzato a comprendere - tramite anche il riferimento ad alcuni casi concreti come la vicenda italiana relativa alla concessione di aiuti di Stato in Abruzzo e in altre aree colpite da eventi sismici - come la rigidità che caratterizza formalmente la materia degli aiuti di Stato interagisca e si coordini con la necessità di garantire pieno sostegno allo Stato colpito da gravi calamità e di rispettare le esigenze solidaristiche espresse dai Trattati.
Susanna, Villani
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/615853
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact